back to top


08/11/2018

Elezioni americane di Midterm: quale impatto sui mercati?



L’esito delle elezioni di Midterm tenutesi negli Stati Uniti ha visto i democratici conquistare la Camera e i repubblicani aumentare la loro presenza al Senato. Il Congresso americano adesso è diviso.

Cosa può cambiare per la politica economica ed estera di Trump da qui in avanti?

Secondo gli analisti di RBC, sarà più difficile promuovere ulteriori tagli fiscali, ma c’è supporto da entrambi i partiti sul programma di investimenti in infrastrutture che potrebbe diventare una sorpresa positiva per i mercati.

Allo stesso tempo, però una Camera a maggioranza democratica impedirà al Presidente Trump di abrogare l’Obamacare e di attuare politiche contro l’immigrazione. Potrebbero inoltre esserci modifiche sugli accordi commerciali NAFTA e sulla politica dei dazi con la Cina.

Si fa più improbabile il rischio di impeachment per Trump. Anche se la maggioranza democratica nella Camera può avviare la procedura di messa in stato di accusa del Presidente per gli scandali legati al Russiagate, servono comunque i 2/3 del Senato per condannarlo. 

Un’analisi condotta da Fundstrat Global Advisors mostra che storicamente il mercato azionario americano è cresciuto in media dell'1,9 per cento nell’anno successivo dopo il cambiamento di maggioranza della Camera. Questa cifra è ben lungi dal rendimento medio del 16,8% registrato quando un partito ha mantenuto la maggioranza in entrambe le Camere.

Non tutti sono concordi sul fatto che i dati passati possano essere utilizzati per prevedere gli effetti di queste elezioni. Robert Shiller, premio Nobel e professore di economia all'Università di Yale, sostiene che queste elezioni di Midterm siano diverse rispetto al passato e non è dato sapere in che direzione si muoverà il mercato.

A nostro avviso, più che sulla variabile politica, oggi gli investitori sono maggiormente concentrati sulle mosse di politica monetaria condotte dalla Federal Reserve. Ci si aspetta un ulteriore aumento dei tassi di interesse a dicembre 2018 e tre/quattro nuovi aumenti per il 2019.

Il posizionamento strategico del fondo AcomeA America

Da un punto di vista settoriale, ad inizio novembre 2018, i principali settori in cui è investito il fondo AcomeA America sono l' oil&gas (15%), il tecnologico (15%), il finanziario (13%), il farmaceutico (13%) e quello dei consumi non ciclici (11%). 

La nostra strategia di stock-picking è rivolta alla selezione di titoli che mostrano un profilo valutativo attraente. All'interno del settore tecnologico ci muoviamo su quelle società legate all'ambito della sicurezza informatica (tra cui Cisco e Intel). Manteniamo una componente difensiva di portafoglio attraverso un' esposizione maggiore al settore dei consumi non ciclici rispetto a quella del benchmark.