back to top


Stiamo tutti bene? L’evoluzione del benessere degli italiani in 150 anni di storia

Con Geppi Cucciari e Giovanni Vecchi


Lunedì 3 novembre 2014 ore 18.30 - 20.00
Sala Grande, Teatro Franco Parenti
via Pier Lombardo 14, Milano

Un viaggio attraverso la storia insieme a Geppi Cucciari per svelare come è cambiata nel tempo la concezione di benessere, che accompagna e caratterizza la vita di ogni comunità. L’economista Giovanni Vecchi ripercorre gli ultimi 150 anni della storia italiana e fa luce su alcuni insoliti indicatori che misurano il benessere del nostro Paese, riservandoci alcune sorprese. I testi sono a cura di Monica Capuani.

"Il benessere di ciascuno di noi dipende fondamentalmente dal benessere di tutti noi"

Theodore Roosevelt

Alcuni highlight della serata

Geppi Cucciari: cos'è per te il benessere?

Geppi Cucciari, protagonista della seconda edizione de la Verità vi prego sul denaro, parla del "benessere degli italiani", sostenuta dalle ricerche del Prof. Vecchi.



Perché non basta il PIL per conoscere il livello di benessere di un paese?

Il Prof. Giovanni Vecchi spiega le ragioni per cui non si può guardare solo al PIL per conoscere il reale benessere di una popolazione.



Cosa c'è alla base degli investimenti?

Si parla spesso della scarsità degli investimenti in Italia, molto meno di ciò che li genera. Roberto Brasca spiega il valore economico del risparmio.




Gli ospiti della serata

Geppi Cucciari

Inizia la sua carriera nel laboratorio teatrale Scaldasole e dopo poco raggiunge la grande notorietà con il gruppo artistico di Zelig. Si laurea in giurisprudenza, intanto continua a cimentarsi in programmi radiofonici e televisivi con una forte impronta ironica. È nel cast di Pinocchio su Radio Deejay, su SkyShow conduce Geppy Hour, poi compare in Victor Victoria (La7) dove commenta ironici sondaggi sull’ospite di turno. Ha condotto Italia’s Got Talent e nel 2011 la striscia quotidiana G Day, prima del TgLa7. Dopo un anno di ottimi ascolti e consensi, il suo G Day viene ampliato e nel 2012 arriva anche l'invito a partecipare come ospite all'ultima serata del Festival di Sanremo. È a teatro con il monologo scritto insieme a Lucio Wilson, Si vive una volta. Sola, portato nei teatri di tutta Italia. Approda al cinema nel 2007 con il film di Carlo Verdone Grande, grosso e Verdone, a cui seguono, tra gli altri, La ballata dei precari (Silvia Lombardo), Passione sinistra (Marco Ponti), L'arbitro (Paolo Zucca), Un fidanzato per mia moglie (Davide Marengo).

Giovanni Vecchi

Professore di Economia Politica all’Università di Roma “Tor Vergata”. Si occupa di teoria, misurazione e storia del benessere. Su questi temi ha pubblicato numerosi articoli sulle principali riviste internazionali. È autore di “In ricchezza e in povertà. Il benessere degli italiani dall’Unità a oggi” (il Mulino). È consulente per la World Bank in tema di misurazione e stima della povertà e disuguaglianza economica. In questa ambito, partecipa regolarmente ai nuclei in missione presso i Paesi che richiedono assistenza tecnica per la valutazione delle condizioni di vita della popolazione.


ALCUNE IMMAGINI DELLA SERATA