AcomeA SGR
Diario del Fondo PrivatePoint Sostenibilità ESG Registrati
back to top


Documentazione dei fondi: a cosa prestare attenzione



Quando si sottoscrive un fondo comune il collocatore è obbligato per legge a consegnare al cliente la documentazione d’offerta che si compone del KIID (Key investor information document - Documento di informazioni chiave per gli investitori) e del Prospetto informativo del fondo. Entrambi i documenti hanno la finalità di rendere comprensibili i rischi che comporta l’investimento in modo tale che l’investitore compia una scelta consapevole.

Cos'è il KIID

Il KIID contiene in due pagine le informazioni su obiettivi e politica di investimento del fondo, profilo di rischio e rendimento, costi e performance ottenute in passato. A tale proposito, sono due gli elementi a cui bisogna subito prestare attenzione ed essere certi di averli capiti bene:

  • Obiettivi e politica di investimento del fondo prescelto. Questa parte descrive quali sono gli obiettivi della gestione e quali sono gli strumenti finanziari in cui investe il fondo.
    Se si tratta di un fondo Liquidità l'obiettivo potrebbe essere "la conservazione del capitale investito e un rendimento in linea con l’andamento del mercato monetario". Per un fondo azionario invece "la crescita significativa del capitale investito". Ovviamente già da queste poche righe possiamo immaginare quale tipo di rischio è associato a questo fondo.
  • I costi. E’ essenziale capire bene quando ci costerà l’investimento che stiamo per fare. L’ammontare complessivo di questi costi può avere un’incidenza molto significativa sul rendimento finale dell’investimento. Quindi è sempre importante capire se ci sono e a quanto ammontano le commissioni di sottoscrizione, le commissioni di gestione, le commissioni di performance e le commissioni di rimborso. Inoltre è consigliabile verificare se esistono delle alternative meno costose che possono soddisfare le nostre esigenze.

Gli altri punti di cui si compone il KIID sono:

  • Il profilo di rischio del fondo. Ciascun fondo è caratterizzato da un indice sintetico di rischiosità che va da 1 (minima rischiosità) a 7 (massima rischiosità). È bene tenere a mente che rendimento e rischio hanno una relazione positiva. Se si è alla ricerca di rendimenti alti bisogna ricordare che anche la rischiosità dell’investimento sarà alta.
  • Le performance storiche del fondo. La scheda di ciascun fondo mostra il rendimento passato del fondo, di solito degli ultimi dieci anni. Non bisogna però pensare che il passato sia replicabile al 100% nel futuro. Infatti non vi è nessuna certezza che la performance passata del fondo possa essere la stessa anche negli anni successivi.

Infografica: Che cos'è il KIID (Key Investor Information Document)

Prospetto Informativo

Si tratta di un documento redatto dalla SGR che deve essere preventivamente approvato dalla Consob. E’ consigliabile leggere bene tutto il prospetto prima di sottoscrivere il fondo. Questo documento è molto importante per svariati motivi:

  • contiene informazioni sulle caratteristiche dei diversi fondi offerti dalla SGR.
  • Permette di confrontare i diversi fondi in modo tale da individuare quello che meglio si adatta alle proprie esigenze in termini di orizzonte temporale e rendimento/rischio.
Si compone di due parti. La prima include alcune importanti informazioni generali: come si effettua una sottoscrizione, come si ottiene il rimborso della quota e quali sono modalità di passaggio da un fondo all’altro (Switch). Inoltre sono indicate la valuta di denominazione del fondo, il rischio, l’orizzonte temporale dell’investimento, gli obiettivi di gestione, la politica di gestione utilizzata e l’eventuale benchmark*. In questa sezione è importante focalizzarsi sulla parte dedicata ai rischi degli strumenti (azioni, obbligazioni) in cui può investire il fondo.

La seconda parte invece contiene informazioni sull’investimento: risultati storici delle performance e tutte le informazioni sui costi legati al singolo fondo.


Cos’è il Benchmark?

Il benchmark o parametro oggettivo di riferimento è un indice rappresentativo di un mercato o di un determinato comparto (ad esempio S&P500, FTSE MIB ecc.) che serve per poter confrontare i risultati della gestione di un fondo rispetto a quelle del mercato di riferimento. E’ utile anche per capire quali sono state le oscillazioni passate del mercato sul quale ci si appresta ad investire. Ok, lo sappiamo, a questo punto sarete tutti sconfortati e demotivati dalla mole di informazioni che vi attendono. Ma sappiate che il tempo che dedicherete alla lettura – seppur soporifera- di questi documenti vi consentirà di evitare brutte sorprese nel futuro. Quando si investe è importante capire quali sono i costi e i rischi a cui andrete in contro. Quindi conviene dedicare un po’ di tempo e attenzione al nostro denaro.