AcomeA SGR
Diario del Fondo PrivatePoint Sostenibilità ESG Registrati
back to top


Stili e metodi di gestione di un fondo comune di investimento


Per avere successo occorre metodo, anche negli investimenti.
Avere metodo significa non farsi travolgere dall’emotività e dagli eventi, ma agire con lucidità.
Il metodo o la strategia di gestione è un insieme di regole, schemi di comportamento e processi tramite i quali si costruisce e gestisce un portafoglio di investimenti.


I fondi passivi, come gli ETF, non hanno una strategia: si limitano a copiare la composizione dei titoli da un indice per replicarne l'andamento.
I fondi attivi, invece, adottano strategie di investimento che hanno l’obiettivo di creare nel tempo un maggiore rendimento rispetto a quello del mercato; grazie a queste strategie vengono selezionati i titoli da inserire in portafoglio, in modo da cogliere le opportunità che si presentano sui mercati finanziari.
Di seguito vedremo brevemente alcune tra le principali strategie di gestione attiva senza addentrarci in eccessivi tecnicismi.


Tra i diversi metodi di gestione, uno è quello “value”, e cioè orientato al valore.
La gestione value prevede che si cerchino opportunità anche tra i titoli che non sono ritenuti interessanti dai mercati: le occasioni migliori di investimento si possono trovare proprio in quelle attività finanziarie (azioni, obbligazioni, …) per cui il mercato non ha interesse.
Spesso i mercati tendono ad amplificare le notizie, sia nel bene che nel male, ed il prezzo di un’azione può allontanarsi molto dal suo reale valore.
In questo caso il gestore investe senza considerare l'opinione che prevale sul mercato (il "consenso") né le mode del momento.
Ad esempio, se un'azienda va male gli investitori sono più orientati a vendere i suoi titoli, che di conseguenza diminuiscono di prezzo.
Questo comportamento può arrivare all'esasperazione, portando il prezzo dei titoli anche molto al di sotto del reale valore dell'azienda.
Si genera dunque un’opportunità di acquisto, anche se comprare significa andare in controtendenza rispetto alle mode ed all’opinione più diffusa sul mercato.
Per questo si associa il termine value (dai fondamentali solidi) a “contrarian” (in controtendenza rispetto ai trend di mercato).
Questo metodo di gestione viene definito “value contrarian”.
Ovviamente questo succede anche nel caso speculare, cioè quando gli investitori sono entusiasti di un'azienda e disposti a comprare i suoi titoli anche a valutazioni eccessive.
In questo caso la strategia contrarian comporterà la vendita dei titoli.


Citazione: quando tutti pensano allo stesso modo, nessuno sta pensando


La strategia di investimento "momentum" prevede invece l’acquisto di titoli azionari in rapida crescita, di moda, e la loro vendita in fasi di crescita più lenta o inferiore alle alte aspettative che gli investitori ripongono nelle aziende.
Il momentum indica il grado di accelerazione del movimento del prezzo di un titolo (spesso un’azione), sia al rialzo che al ribasso.